Home  Paese

 

 

 

Corte Torcolo. Foto A. Scolari  2/05/2004

 

 

 Scheda storica - Arch. Sergio Spiazzi

Antica corte rurale posta nelle terre di Centegnano tra il fiume Antanello a nord e uno dei maggiori paleoalvei dell'Adige a sud. Vi si accede dalla strada comunale di Campalto, subito dopo la corte del Ponte.

 

Nato come casa rurale con fienile, stalla e portico addossato, il Torcolo risulta ampliato a est, con altri edifici abitativi, nei primi anni del '900. Come tante altre corti della zona, risulta una dipendenza della corte principale dove di solito si trova il padrone del fondo e destinata agli affittuari o mezzadri che lavoravano le terre e tenevano i buoi per le varie fasi di lavorazione dei campi e le mucche da latte.

 

La corte risulta di proprietÓ della famiglia Brognoligo o Brognonigo fin dal XVI secolo, insieme con la parte sud della Pantina dove esisteva una casa padronale. Sulla famiglia Brognoligo il Cartolari dedica qualche riga e sappiamo che "Nel 1404 Francesco fu Vicario della Valle Pollicella. Questa famiglia l'anno 1449 venne ascritta al Nobile Consiglio patrio, e sostenne le cariche di Giudice di Collegio, di Vicario della casa dei Mercanti, di Provveditore di Comun, ed altre ancora. Celebri uomini in lettere fino dai tempi antichi fiorirono in questa illustre casa".

 

In una mappa del 1623 la corte, giÓ chiamata "Il Torcolo", viene disegnata come un edificio rurale semplice con la casa contadina a est e la torre colombara a nord-ovest. Di proprietÓ dei Brognoligo, il fondo Ŕ adacquato dalla fossa Brognoliga (signori Brognonighi) e Della Torre che porta le acque dell'Antanello partendo dal Ponte di Campalto per poi farle scolare verso la fossa Gardesana.

 

Nel catasto napoleonico del 1816 la corte e il fondo del Torcolo sono proprietÓ di Brognoligo Nicola q.m Salomone e accatastata come casa e corte da massaro.

Nel catasto austriaco del 1848 la corte e il fondo, che comprende 41 appezzamenti, risulta proprietÓ di Luigi Pellesina che ha acquistato dai Brognoligo anche il possedimento e parte del nucleo rurale della Pantina, in parte a pascolo, a prato e aratorio.

 

 Pagina precedente