Home  Paese

 

 

La Scimmia.  30/05/2004 - Foto A. Scolari

 

Scheda storica - Arch. Sergio Spiazzi

Contrada posta tra S. Antonio e le Ferrazze nel punto dove il Fibbio fa un’ampia ansa e di conseguenza sia la strada che la Rosella seguono questa ampia curva. La contrada si sviluppa tra i fossati della Rosella e della Murara, fossati antichi costruiti dall’uomo per portare l’acqua del fiume Fibbio nella piana di Campalto e di S. Antonio.

 

In una mappa del 1646 Francesco Loredan risulta proprietario di tutti quei terreni posti a nord della Statale 11 tra la Rosella e l’antica strada per Montorio, fino alla Scimmia. Tra la corte del Caval e la strada della Polveriera. In un’altra mappa del 1684 la possessione del Caval, delle Bonette e della Scimmia sono proprietà delle famiglie Zenobio e Torri.

 

La corte è famosa per la sua antica osteria chiamata appunto della Scimmia, che insieme con l’osteria delle Ferrazze ci riporta ad antiche tradizioni di ospitalità e di semplice cucina tradizionale veronese, dove il mangiar fuori sotto la pergola ci trasporta ad un momento di serena convivialità.  

 

pagina precedente