Home  Paese

 

 

Tenuta Musella, la scaletta veduta verso Ponte del Cristo di sera.

24/12/2003 - Foto A. Scolari.

 

Scheda storica - Arch. Sergio Spiazzi

La scaletta costituisce l’antico collegamento pedonale con la Musella tra l’antica casa Milani sulla sinistra e le case già dei Trezza sulla destra. L’accesso un tempo si trovava sul confine tra i comuni di Montorio e Marcellise, già perchè in quel punto il Fibbio ed i tracciati dei fossi segnavano i confini tra i due territori e l’abitato di San Martino.

 

 Sul poggio troviamo il grande stabile detto appunto della Scaletta  in una posizione dominante rispetto al paese di S.Martino. La struttura, disposta su tre piani, si presenta compatta e massiccia nella sua mole.

 

Architettonicamente viene ristrutturata nella seconda metà dell’ottocento, probabilmente all’interno di un programma ambizioso, studiato da Cesare Trezza, proprietario di tutta la Musella, su progettazione dell’architetto Giacomo Franco, incaricato della sistemazione della villa e probabilmente di gran parte dei rustici della tenuta, dell’entrata monumentale verso il borgo, detta la portineria di Marcellise, nell’intento di trasformare la tenuta in un nuovo feudo per mettere in risalto, insieme con il parco, il lignaggio della ricchissima casata Trezza.

 

Nella mappa del 16 marzo 1606 di Ottavio Fabri si leggono molto bene i proprietari dei beni posti sopra la costruenda Fossa Pozza e vicino all’abitato del Ponte. Partendo dalla strada per Marcellise e nella piana della Musella troviamo proprietari i Radici, poco sopra la Fossa Pozza i Rezo o Concorezo e più in su alla Scaletta Isabella Radice.

 

pagina precedente